Arredare una casa da zero: i consigli per iniziare

Arredare una casa da zero: i consigli per iniziare

ottobre

1

2018

Da che parte iniziare quando si è alle prese con la “mission” di un arredamento da zero? Una corretta pianificazione di tutte le attività è importante tanto quanto la scelta dei mobili giusti per valorizzare gli spazi interni.

Per rendere un’abitazione la “propria casa”, nel senso pieno dell’espressione, è giusto partire dall’associare vani e funzioni; se per la cucina e il bagno, nei quali possono già essere stati predisposti gli impianti, si tratta di un passaggio quasi scontato, lo stesso non si può dire per le altre stanze, soprattutto quando si deve arredare una casa piccola o dalla planimetria complessa. Una camera da letto può essere infatti adibita anche a studio – home office; il living può essere destinato anche a camera per gli ospiti, con un comodo divano letto: tutte esigenze che meritano una riflessione prima di qualsiasi acquisto.

Il primo consiglio, quindi, non può che essere dettato dal buon senso: provate a chiedervi cosa vorreste ottenere da ciascun vano a disposizione. Sarete già sulla buona strada per evitare errori…

Partire da zero: una grande opportunità

 

Pensateci: non capita ogni anno una chance così! Avere a disposizione una casa da arredare da zero è un’opportunità da non sperperare. Nel caso in cui fossero già presenti tutti gli impianti e le funzioni delle stanze fossero già state chiaramente identificate, iniziate a lavorare sul fronte dei rivestimenti interni per bagno e cucina e dei pavimenti. In parallelo, tuttavia, non perdete mai di vista tutti gli ambienti nel loro complesso e, in particolare, tenete a mente che dovrete occuparvi anche del progetto del colore per le pareti.

Una cucina da vivere

 

Centro nevralgico dell’abitazione, aperta sul living o indipendente, la cucina necessita di un’attenzione dedicata sul fronte dell’arredamento. Valutate le qualità spaziali dell’ambiente a disposizione, ma anche le reali modalità di impiego della stessa: quest’ultimo parametro, in particolare, permetterà di definire quanto grande dovrà essere il vostro piano lavoro, di quali elettrodomestici o dotazioni specifiche potreste avere bisogno. E non dimenticate di prevedere luci adeguati per lavorare in sicurezza, da associare a quella ambientale.

Una camera da letto da sogno

 

Un arredamento riuscito? Quello nel quale tutti gli spazi risultano in armonia. Proprio come assicura un progetto di architettura degli interni “su misura”, nel quale oltre a rivestimenti e scelte cromatiche in coerenza tra loro non mancano rimandi e punti di contatto tra una stanza e l’altra. In particolare, per l’arredamento della camera da letto tenete sempre in considerazione i metri quadrati effettivamente a disposizione: nelle case più piccole, ad esempio, è molto utile ricorrere a un letto con vano contenitore per “supportare”, specie nel lungo periodo, le funzioni dell’armadio.

Un bagno multifunzionale

 

L’arredamento del bagno è uno degli “scogli” da superare quando si comincia da zero. Un consiglio utile è valutare se conterrà anche la lavanderia e se possiede spazio a sufficienza per ospitare anche un mobile contenitore, magari con ante scorrevoli, nel quale riporre prodotti beauty, prodotti per la cura e la pulizia della casa, asciugamani, medicinali, cosmetici, scarpe. Scegliere questo arredo fin dall’inizio vi eviterà di dover ricorrere ad accostamenti azzardati nel lungo periodo, quando – come spesso avviene – le esigenze della casa cambiano.

 

FONTE: www.grazia.it

Condividi